Di focolai e focolari in Lombardia: sulle domande “per sole donne” nel questionario dell’ASST Rhodense

🤔 Un “errore di traduzione”: così l’ASST Rhodense ha giustificato, scusandosi per l’accaduto, le domande “per sole donne” – riguardanti la “preparazione del cibo”, il “governo della casa” e la “biancheria” – contenute nel questionario di valutazione delle capacità di autonomia dei pazienti diffuso dall’ASST, traduzione della scala Iadl (Instrumental activities of daily living).

👉 Errori veri o presunti a parte, quello che è certo è che i ruoli assegnati in quel documento ben traducono l’impronta patriarcale che da sempre cerca di limitare la libertà e l’autodeterminazione delle donne nel tentativo di orientarne le scelte di vita conformandole a modelli subordinati al potere maschile.

🙋‍♀️ Benché felici del rapido dietrofront dell’ASST – che dopo le denunce e il clamore mediatico suscitato ha subito ritirato il documento – riteniamo comunque eccessivamente sbrigative le dichiarazioni della direttrice generale Ida Ramponi sull'”errore di traduzione”: piuttosto che derubricare l’accaduto a una banale “svista”, sarebbe stato più opportuno sottolineare come questa vicenda, tutt’altro che un “caso isolato”, sia invece purtroppo una goccia che cade in un oceano di comportamenti e pratiche che sorreggono un vero e proprio sistema di potere responsabile di discriminazioni, diseguaglianze e violenze di genere. Un sistema contro il quale le donne lottano quotidianamente: solo una manciata di giorni fa, l’8 marzo, la marea dello sciopero globale transfemminista ha riempito Piazza Duomo a Milano.

✊ E nel silenzio, disinteressato e quindi complice, della politica sulla questione – “La Moratti dice che non sa niente” ci informa Luca Palladini, il primo a denunciare l’accaduto – non ci stupiremmo che di questo passo tra i focolai lombardi non tornino in auge i focolari di cui le donne, nella visione ottusamente patriarcale diffusa in questo documento dell’ASST Rhodense, sono gli “angeli” dediti al governo della casa e alla cura della famiglia. Tutti stereotipi che solo la lotta delle donne ha saputo scalfire fino ad abbattere, anche quando sostenuti dalle istituzioni.

Brigata Visone (Rho)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top